Calendario Eventi ISTUM

Consulta il calendario completo dei Master e dei Corsi ISTUM in programma quest’anno.

Vai al calendario

Prossimi Eventi

[eltdf_events_list type=”list” columns=”one” image_size=”landscape” order_by=”date” order=”ASC” number=”3″]
Couldn't connect with Twitter

SCUOLA CSQA

  /  Formazione e Carriere   /  Formazione e Carriere Food Management: intervista a Chiara Calcabrini

Formazione e Carriere Food Management: intervista a Chiara Calcabrini

Gentile Chiara Calcabrini,

innanzitutto grazie per la sua disponibilità a intervenire nella rubrica “Formazione e Carriere” di CSQA — Scuola di Management Agroalimentare.

Perché una persona dovrebbe iscriversi al Master LSM in Food Quality and Performance Management di CSQA?
“Dopo una laurea in scienze e tecnologie alimentari, da circa un anno mi occupo di attività di miglioramento continuo in un’azienda che produce salumi.
Questo master ho rappresentato la possibilità di acquisire un punto di vista più strutturato, dandomi gli strumenti e la visione per affrontare e guidare i processi di miglioramento. Guardare al processo a 360 gradi, partendo dalla pianificazione, studiando gli ostacoli e avendo chiari da subito i benefici attesi, mi aiuta a dare concretezza a quelle che sono le attività che ho già la fortuna di guidare in ambito lavorativo. Io lo consiglio perché so che, se da una porte tutti i processi possono essere ridisegnati in chiave lean, applicarli poi in contesto aziendale è tutt’altro che semplice e, quindi, c’è bisogno di persone formate, che siano in grado di guidare il team verso il processo di trasformazione.
Questo è uno degli obiettivi che questo master consente di raggiungere e per cui io sono felice di over scelto di intraprendere questo percorso.”
Quale argomento ti ha coinvolto di più?
“Essendo il mio lavoro, avevo già una preparazione di base, ma qualcosa che mi ha colpita particolarmente, perché sta alla base del risultato di chi intraprende un percorso e un’attività di miglioramento, è il coinvolgimento delle persone insieme alla sezione relativa all’action learninq. Anche il concetto di lean leadership per migliorare come porsi con le persone, conoscendo le metodologie per farlo nel modo migliore è qualcosa che mi ha affascinata particolarmente. Questa si può collegare al problem salvino, perché la comunicazione ci aiuta in qualche modo a descrivere i problemi, individuarne la causa radice, risolverli e garantire la riuscita dei progetti.
Anche le tecniche di mappatura del processo, quindi dal punto di vista pratico avere chiaro le sue componenti.”
Che impatto hanno avuto gli argomenti trattati sul cambiamento dei tuoi comportamenti nelle attività quotidiane?
“Ho seguito questo master in concomitanza con business case relativi allo studio della possibilità di implementazione di particolari linee di produzione. Conoscere il progetto as-is e il suo to-be, avendo chiaro quali sono le dinamiche di mappatura del processo, mi ha permesso di studiare nel dettaglio la situazione di partenza e concentrarmi sul risultato che si desidera ottenere con un progetto di miglioramento.
Avere un’idea chiara dei muda e delle varie tipologie di sprechi nell’ottica di ottimizzare tutto il flusso, utilizzando raction learning per coinvolgere le persone che lavorano su uno stessa linea, mi permette di distinguere le necessità da quello che si può eliminare, coinvolgendo chi tocca con mano il processo.”